h1

Ohio Kid: Balls

settembre 16, 2011

Ohio Kid

Balls

folk

In parole povere: davvero una bella prova questo EP

________________

Se c’è un genere che da dieci/quindici anni riscuote per la quasi totalità solamente consensi entusiasti, quello è proprio il folk. Eh già, gente come Elliott Smith o meglio ancora come Jeff Mangum ha inconsapevolmente ridato vita ad una vera e propria “filosofia di musica”  che si è poi espansa a macchia d’olio, diventando uno dei cardini della musica dal 2000 fino ad oggi (nomi come Bon Iver, Fleet Foxes, Okkervill River ed Iron & Wine la dicono lunga), senza poi considerare tutti quei gruppi o quegli artisti che, se non si son proprio messi a suonar la folk music, ne sono rimasti indubbiamente affascinati e ne hanno spolverata un po’ qua e un po’ la in tutte le loro discografie.

Ohio Kid non lo so chi sia e non mi sono messo a cercare in giro perché al momento ho un mal di gola cane e non riesco a far nient’altro se non ascoltare e scrivere. Presuppongo sia un ragazzo, un bravo ragazzo perché quando m’ha chiesto di scrivere due righe a proposito del suo Ep Balls è stato molto educato e spero non abbia sbroccato per il fatto che mi ha contattato a giugno mentre adesso siamo a settembre. Un Ep di tre canzoni, un mese per ogni canzone, e un mese per scrivere la recensione. Ci può stare.

Bando alle ciance, Balls è un delizioso idillio nebbioso (atmosfere un po’ alla Bon Iver insomma), freddo ed asettico che, grazie all’ottima interpretazione vocale del signor Ohio Kid (ah che fastidio non sapere chi sia), riesce senza problemi a penetrare diritto nel cuore dell’ascoltatore. Insomma, sceglie la formula tradizionale della dicotomia indie folk nordeuropea centrando in pieno il bersaglio. Però sono solo tre pezzi, e spero arrivi presto l’LP. Anche perché a far tre pezzi belli non dico sia facile, ma non è poi così difficile. Un disco è un’impresa ben più ardua, insomma.

Ma io sono fiducioso.

Soundcloud della band: http://soundcloud.com/ohiokid/sets/ohio-kid-balls

Annunci

One comment

  1. Si chiama Giulio, si chiama. Me lo ero dimenticato.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: