h1

The Wisdoom

settembre 17, 2011

The Wisdoom

The Wisdoom

doom metal, stoner, sludge metal

In parole povere: il male sorge sotto ar Cuppolone

________________

Ah, la saggezza sicuramente senza il senso del sacro, nonostante mr Iocca tenti in tutti i modi di farci credere ad una spiritualità, una ritualità che vada a braccetto con la sua musica. In realtà il primo ep dei Wisdoom è quanto di più profano i giovani romani (amici miei, lo ammetto) potessero creare; quanto di più sporco, lurido, grave e tenebroso potessero cagare dai loro bei culetti.

Agli occhi la copertina, lisergica e rarefatta, dalle vaghe reminescenze flower-power, rende appieno l’idea di spaesamento che l’ep vuole dare. Anche il nome stesso della band ci suggerisce un ascolto particolare; non è il solito doom, questo è pregno di saggezza. Scordatevi le pecionate a due all’ora insomma, i Wisdoom vogliono fare sul serio, vogliono mostrarci un mondo parallelo in cui il sacro è dissacrato dalle distorsioni, e non scassarci i coglioni per poco più d’una mezzora.

E per far questo allora attingono a tutte le loro serie di esperienze con la musica, lasciandosi influenzare senza costrizioni e proponendole in uno spartito che poi ha qualcosa di già sentito ma, al contempo, possiede una sua “unicità”. Quindi sentiremo certamente i Black Sabbath, ma anche la psichedelia pinkfloydiana da sempre prestata a smussare generi più hard, e perché no chi vorrà potrà sentirci anche gli Alice In Chains, i Kyuss, gli Electric Wizard. Io ci sento la Madonna che mi parla e che mi sprona a studiare un po’ di più. Però sembra evidente che a suonare quel disco siano gli Wisdoom, perché probabilmente nessun altro in giro saprebbe suonare così (almeno qui in Italia).

Poi potrete dire quello che vi pare, per esempio che io sia un recensore di parte. E perché? Solo perché Dario e Alessandro sono due miei cari amici? O forse solo perché agli albori della band io ne ero il cantante? Eh ma meno male che ho lasciato perdere perché vi sfido ad ascoltare le prime registrazioni della band (tra le quali c’era anche Katabasis). Terrificanti.

E comunque se non mi fosse piaciuto st’ep non ne avrei mai scritto la recensione. Chi può essere così crudele da smerdare i propri amici?

Myspace da cui potete ascoltare i brani: http://www.myspace.com/thewisdoom

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: